MUSEI, CRESCONO I VISITATORI ALLA GALLERIA NAZIONALE DI ROMA

Pubblicato in Accade in Italia

06 Feb 17 MUSEI, CRESCONO I VISITATORI ALLA GALLERIA NAZIONALE DI ROMA

Con il nuovo allestimento raddoppiati gli ingressi.

Collu: «Il museo non può rivolgersi a uno spettatore ideale, ma deve essere un luogo che parla a diverse tipologie di pubblico»

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea ha chiuso il 2016 con 137.697 visitatori e incassi pari a circa 415.000 euro, dati in linea con quelli del 2015. Un risultato positivo se si pensa che durante l’anno, per sei mesi, la Galleria ha visto l’apertura parziale, con la maggior parte delle sale interessate dai lavori di riordino museografico e di riallestimento delle collezioni, e da un’operazione di riqualificazione dell’architettura per il ripristino della spazialità e della luminosità originaria dell’edificio del Bazzani. Un intervento avvenuto senza mai chiudere la Galleria al pubblico, che ha potuto continuare a visitare il museo con forme di bigliettazione agevolata.

Proprio nella parte finale del 2016, tre mesi importanti per la Galleria Nazionale, si sono infatti registrati i dati più rilevanti, che hanno confermato il trend positivo della nuova fase.

La mostra Time is Out of Joint, che ha visto oltre 6.000 presenze nella sola serata inaugurale, continua a suscitare l’interesse del pubblico: dall’apertura a fine anno il numero dei visitatori è quasi raddoppiato, passando dai 28.532 dell’ultimo trimestre 2015 ai quasi 55.000 dello stesso trimestre 2016. Sono state oltre 30.000, inoltre, le persone che hanno usufruito degli spazi “free” dell’area accoglienza con bookshop e caffetteria, wifi gratuito e l’angolo Instagram, da cui rilanciare le foto scattate in Galleria sui social.